A


Acquisizione

In finanza, un'operazione attraverso cui un'impresa diventa proprietaria o controllante di un'altra. Avviene tipicamente attraverso l'acquisto di azioni, ma l’entità giuridica rimane comunque legalmente separata da quella dell'acquirente.

 

Ammortamento

Procedimento amministrativo con cui il costo di un bene acquistato viene ripartito nel corso di più esercizi (anni fiscali). Oggetto dell'ammortamento possono essere le immobilizzazioni materiali, ovvero l’insieme di tutti i fattori produttivi ad utilità pluriennale fisicamente tangibili (macchinari, impianti, automezzi, computer); le immobilizzazioni immateriali ovvero l’insieme di tutti i fattori produttivi ad utilità pluriennale non fisicamente tangibili (brevetti e marchi, diritti di utilizzo di opere dell'ingegno, concessioni governative, costi di pubblicità).

 

Angel investor

Vedi alla voce business angel.

 

Azione

L'azione è un titolo rappresentativo di una quota della proprietà di una società. Il possesso di (almeno) una azione è la condizione necessaria per essere soci.

 

Burn rate

Tasso al quale una società consuma la cassa a sua disposizione.

 

Business angel

Detto anche “investitore informale”, si contrappone a quello istituzionale come i fondi di venture capital e private equity. Spesso i business angel sono ex titolari di impresa, manager in pensione o in attività, liberi professionisti che hanno il gusto della sfida imprenditoriale, il desiderio di poter acquisire parte di una società che operi in un business, spesso innovativo, rischioso ma ad alto potenziale di rendimento, con l'obiettivo di realizzare nel medio termine (5-7 anni), delle plusvalenze dalla vendita, parziale o totale, della partecipazione iniziale. Il rapporto che si crea tra l'angel e lo startupper è squisitamente spontaneo e basato sulla fiducia: da qui il ruolo “informale” di questa forma di investimento/finanziamento.

 

Business model

Vedi alla voce modello di business.

 

Business plan

Documento che riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative di un’iniziativa imprenditoriale.

 

Capital Raising

Aumento di capitale.

 

Carried interest

Detta anche “commissione di performance”, consiste nella remunerazione distribuita a professionisti e gestori di fondi se, in sede di disinvestimento delle partecipazioni, vengono realizzati dei rendimenti positivi. Si tratta di importi variabili, che normalmente si aggirano intorno al 20%.

Il Carried interest si calcola "cash on cash" ovvero viene pagato solo se gli investitori hanno ricevuto per intero il capitale versato nel periodo di investimento nella vita del fondo e non operazione per operazione.

 

Cash flow

Vedi alla voce flussi di cassa.

 

Compliance

In generale il termine indica la conformità alle regole. Riferito al contesto degli investimenti, si riferisce alla documentazione che l'investitore deve firmare per rispettare le norme e le prassi tipiche.

 

Costi operativi

Costi relativi alle attività di gestione: risorse umane, materiali, tecnologiche impiegate dall'operatore per l'erogazione dei servizi, salari, consumi, manutenzioni, etc.

 

Data room

Lo spazio, spesso virtuale, dove è raccolta la documentazione a cui un potenziale acquirente ha accesso per definire il proprio commitment.

 

Deal

Letteralmente “affare”, per estensione: opportunità di investimento. Il deal flow invece è flusso di opportunità di investimento proposte a un investitore istituzionale (Venture Capital).

 

Dividendi

Quella parte di utili che vengono distribuiti, al termine dell’anno, da una società ai suoi azionisti.

 

Due diligence

Insieme di attività di analisi e di controllo, svolte dall’investitore o da suoi consulenti, per analizzare e approfondire vari aspetti dell’azienda (come conti, pendenze o cause) oggetto di un possibile investimento, al fine di valutare in modo completo lo stato attuale dell’azienda medesima e i suoi rischi potenziali.

 

EBIT

Earnings before interests and taxes: margine reddituale che misura l'utile di un'azienda prima degli interessi, delle imposte e delle tasse. Questo indicatore può essere utilizzato per confrontare la redditività di una società nei diversi esercizi. Se l'Ebit cresce da un anno con l'altro, significa che l'azienda produce più utili.

 

EBITDA

Nella terminologia anglosassone, il margine operativo lordo (MOL) è definito EBITDA, che significa “Earning Before Interest, Tax, Depreciation, Amortization” cioè l’utile prima degli interessi, delle imposte, delle svalutazioni e degli ammortamenti. L'EBITDA viene illustrato nelle valutazioni d'azienda come base di riferimento su cui applicare un moltiplicatore differente a seconda dei settori a cui appartiene l'azienda per calcolare il valore dell’azienda stessa.

 

Equity

Quote societarie.

 

Escrow

L’accordo tra due parti in forza del quale somme di denaro o titoli di proprietà vengono depositati presso una terza parte (escrow account) come garanzia, per poi essere rilasciati all'avveramento di condizioni stabilite dalle parti.
Lo scopo dell' escrow è quello di salvaguardare gli obblighi delle parti offrendo una protezione finanziaria.

 

Executive summary

È la parte iniziale del Business Plan che ne riassume i contenuti principali.

 

Exit

L’exit strategy è la pianificazione legata alla vendita delle azioni o dell’azienda nel suo complesso. Il più delle volte l’exit non si riferisce alla startup in sé, ma all’azione compiuta da un founder o un investor.

 

Flussi di cassa

Indicano i movimenti monetari di un’impresa o di un progetto in un dato periodo di tempo. I flussi di cassa sono anche detti cash flow e sono dati dalla differenza tra tutte le entrate e l’insieme delle uscite monetarie. In particolare i termini cash inflow e cash outflow rappresentano rispettivamente un flusso di cassa positivo o negativo.

 

Flussi di ricavi

Si tratta dei ricavi e di conseguenza di una parte sostanziale della dinamica reddituale attraverso la quale la tua startup, eventualmente, genererà profitti. Nel business model i ricavi sono una componente fondamentale alla cui gestione è necessario dedicare una cura approfondita, detta appunto Revenue management.

 

Fund raising

Raccolta di fondi a favore dell'impresa a fronte di quote societarie.

 

Funds

Letteralmente significa "fondi" e per estensione s’intendono gli investimenti. In una prima fase della vita delle aziende sono diretti a coprire i primissimi costi di sviluppo dell’idea, al fine di consentire l’ingresso nel mercato. In genere vengono concessi in cambio di quote della società nascente, da uno o più investitori. I momenti in cui i finanziamenti si rendono necessari, tuttavia, possono essere vari e ripartiti in più punti del ciclo di vita di una azienda, ogni singola fase è detta round di finanziamento. Possono coprire, oltre ai costi di starting up, eventuali costi di ampliamento dell’azienda, di lancio di nuovi prodotti, di sviluppo di nuovi progetti. Si desumono attraverso la Capitalization table che descrive i round di investimento, l’ammontare degli stessi, le fonti di finanziamento e l’utilizzo. Da qui è possibile desumere informazioni riguardanti il Burn rate, ovvero il tasso al quale una startup è in grado di “bruciare” gli investimenti in capitale ricevuti, per giungere alla fase in cui si generano Revenue.

 

Governance

L’insieme di regole che disciplinano la gestione della società e quindi la composizione e i membri in CDA per gli investitori, il diritto di veto su alcune materie o il collegio dei sindaci.

 

Income

Vedi alla voce utile.

 

Incubatore

Un incubatore cura la nascita di una startup, per un periodo compreso tra i 4 e gli 8 mesi. Una volta che il nuovo prodotto/servizio è stato messo a punto ed è stato raggiunto un sufficiente stadio di sviluppo, l’incubatore accompagna la nuova azienda alla ricerca di uno o più finanziatori.

 

Interessi finanziari

Sono tutti gli oneri legati ad operazioni finanziarie: interessi passivi su mutui bancari, sovvenzioni, cambiali finanziarie, sconti passivi bancari, le perdite sui cambi e sui titoli, interessi passivi, perdite su partecipazioni, interessi passivi.

 

IPO

Acronimo di Initial Public Offering, processo che si conclude con la quotazione di una società presso un mercato regolamentato.

 

Lead investor

Investitore istituzionale che assume il ruolo di leadership in operazioni complesse e con altri investitori che seguono a ruota, detti follower.

 

Leverage

Sinonimo di leva finanziaria, è la capacità di sfruttare il capitale di debito quando il rendimento generato dall’attività aziendale è superiore al tasso di interesse passivo pagato per approvvigionarsi del capitale stesso.

 

Liquidation preference

Espressione usata per indicare la clausola contrattuale che attribuisce agli investitori che la detengono la priorità nella liquidazione della propria quota in caso di liquidazione o altri eventi legati alla vendita della società e alla divisione dei proventi.

Si tratta di una clausola standard e punta ad avvicinare gli investitori riducendo sensibilmente il loro rischio.

 

Market analysis

L’analisi di mercato studia le abitudini di acquisto dei clienti nella vendita al dettaglio, trovando associazioni su diversi prodotti comprati. Tale processo è utile per l'adozione di strategie di marketing mirate.

 

Mifid

La normativa che disciplina le prestazioni dei servizi e delle attività di investimento. La Mifid ha introdotto la disciplina di classificazione della clientela bancaria e SIM ai quali si associa un grado di tutela rispetto alla loro competenza in materia d’investimenti.
La profilazione avviene attraverso la compilazione di un questionario che, oltre all’assegnazione della classificazione appropriata, raccoglie le informazioni per individuare il profilo di rischio del cliente, al fine della prestazione dei servizi di investimento.
Solitamente il questionario si compone di diverse parti: la prima attiene alla classificazione (persone fisiche/giuridiche, ambito soggettivo e parametri di bilancio), la seconda si riferisce alla profilatura in senso stretto (informazioni relative a conoscenza/esperienza, situazione finanziaria, obiettivi di investimento, propensione al rischio e orizzonte temporale), la terza riporta l’esito dell’intervista e la quarta le note per l’investitore, come le tutele previste per le differenti classi, finalità delle informazioni raccolte, durata del questionario.

 

Modello di business

Schema che sintetizza il metodo con cui la startup s’inserisce nel mercato. La formula più diffusa è quella del Canvas Business Model, dove le sezioni sono in grado di far emergere eventuali criticità negli aspetti fondamentali del funzionamento del Business, e di conseguenza, le criticità che potrebbero coinvolgere la dinamica reddituale della tua futura azienda.

 

NAV

Acronimo di Net Asset Value, è l'indicatore che misura il valore attuale del patrimonio netto di un fondo.

 

Perdita

In economia aziendale, è definito come differenza tra costi e ricavi, se tale differenza è negativa.

 

Pitch

In pratica è una breve presentazione dell’idea di business della startup. Illustrata dal vivo non dovrebbe durare più di qualche minuto e ha l’obiettivo di generare interesse verso un investitore maturo, come un Angel o un Venture Capital.

 

Pre-tax income - Pre-tax profit

Importo guadagnato da un business o investimento prima della deduzione sul reddito delle imposte.

 

Pricing

In pratica la definizione del valore monetario del prodotto o servizio offerto e può essere definito a partire da tre paradigmi:

  • Costi di produzione, ovvero la somma delle spese di produzione più margine di guadagno. Lo svantaggio di questo percorso è rappresentato dalla sua distanza dall’analisi dei prezzi di mercato. Generalmente, i prezzi risultanti da tale strategia sono fissi.
  • Mercato di riferimento: utile soprattutto se ci si posiziona all’interno di un mercato con dei competitors attivi. Se il cliente è già abituato a pagare un determinato prezzo per la stessa tipologia di prodotto/servizio, sarebbe rischioso non tenerne conto.
  • Valore del prodotto/servizio: tiene conto delle caratteristiche tecniche, ma anche di elementi non tangibili, come la risposta a un bisogno.

 

 

Rating

Il rating è un giudizio che esprime l'affidabilità di un'impresa, e più precisamente la sua capacità di ripagare un prestito.

 

Revenue sharing

La ripartizione dei ricavi generati da un'azione effettuata da due o più soggetti. Viene utilizzata, per esempio, come ricompensa per azioni di lead generation.

 

Roadshow

Processo durante un’offerta pubblica nel quale il management della società emittente e il capofila per il collocamento incontrano gruppi di potenziali investitori in città e paesi diversi, con l’obiettivo di stimolare il loro interesse mediante la descrizione accurata del business e le prospettive di crescita di valore.

 

Seed capital

Sono i primi fondi finanziari cui un imprenditore accede per lanciare una nuova attività.

 

Share issue

Entrata monetaria relativa all'emissione di nuove quote societarie per finanziare la propria attività.

 

Spese in conto capitale

Acquisti di beni immobili come arredi, attrezzature, macchinari, automezzi, ecc. che contribuiscono ad incrementare il patrimonio dell’azienda.

 

Stakeholder

Letteralmente “portatori di interessi” ovvero tutti coloro che, a vario titolo, sono interessati alle vicende aziendali: azionisti, finanziatori, amministratori, dipendenti, clienti, fornitori, pubblica amministrazione, opinione pubblica, etc.

 

Startup

Una nuova impresa, costituita da non più di 60 mesi, il cui modello di business risponda principalmente ai criteri di innovatività e scalabilità.

 

Success fee

Commissione di consulenza pagata unicamente in caso di successo dell’operazione, come una cessione, l’aumento di capitale o l’ingresso in Borsa.

 

Svalutazione

Una diminuzione del valore di un bene causata dalle condizioni di mercato sfavorevoli.

 

SWOT analysis

Strumento di pianificazione strategica che analizza quattro fattori fondamentali (Strenghts, Weaknesses, Opportunities & Threats / Punti di forza, Debolezze, Opportunità, Minacce) mediante una matrice che interseca i punti di forza e quelli di debolezza con opportunità e “minacce” esterne provenienti dal settore economico di riferimento. Questo strumento può essere usato in qualsiasi processo decisionale in cui un determinato obiettivo sia già stato stabilito.

 

Term sheet

Documento che riassume i principali temi di un contratto che si perfezionerà in un futuro. Il vantaggio di discutere un term sheet è di poter analizzare numerosi punti del contratto finale in una fase preliminare della trattativa tra due parti.

 

Track record

L'insieme dei risultati storici ottenuti da una società. Può includere numerosi parametri, come il numero di investimenti effettuati, società finanziate, fatturato totale, ritorno generato per gli azionisti.

 

Utile

In economia aziendale, è definito come differenza tra ricavi e costi, se tale differenza è positiva. Nel campo delle attività economiche viene comunemente chiamato profitto.

 

Venture capital

Diversamente dagli Angel Investor, sono investitori strutturati che si occupano di ricercare startup ad alto contenuto innovativo e con una presunta alta capacità di successo sul mercato. I VC, nel finanziare l’avvio o la crescita di un’impresa a elevato potenziale di sviluppo, hanno l’obiettivo di aumentare il valore dei propri capitali per generare, al momento della vendita, ricavi sensibilmente più alti, da investire poi in nuovi progetti.

 

Valutazione pre-money

Valutazione della startup prima della raccolta di capitali.

 

Valutazione post-money

Valutazione della startup dopo la raccolta dei capitali.

 

Write-off

Svalutazione di una partecipazione in portafoglio fino al valore zero. Il valore di un investimento viene eliminato e il rendimento per gli investitori è nullo o addirittura negativo.

 


C'è qualche termine che ti è ancora oscuro? segnalacelo all'indirizzo support@siamosoci.com.